Category: Convegni e Incontri

SANTO STEFANO work shop 17 Settembre 2020

26 Sep 20
admin@santo-stefano.it
No Comments
Il Ministro Giuseppe Provenzano arriva nel porto di Ventotene a bordo di una motovedetta della Guardia di Finanza
Sulla banchina del porto di Ventotene Francesco Carta toglie la mascherina per farsi riconoscere

Il Ministro Provenzano con il Sindaco Gerardo Santomauro e la Commissaria Silvia Costa
L’Assessora Regionale Enrica Onorati, il Prefetto di Latina Maurizio Falco, La Commissaria Silvia Costa, il Ministro Giuseppe Provenzano, l’Assessore del Comune di Ventotene Francesco Carta
Il Sindaco Santomauro presenta al Ministro un suo omonimo: Giuseppe Provenzano

Giuseppe Provenzano, Ministro per il Sud e per la Coesione Territoriale,  ha  visitato l’ex reclusorio di Santo Stefano e il piccolo cimitero. Si é recato poi a rendere omaggio  ad Altiero Spinelli sepolto nel cimitero di Ventotene.

L’arrivo a Santo Stefano con il gommone della Guardia di Finanza
Si sale verso il reclusorio

Ha dichiarato di essere rimasto impressionato dalla bellezza e dall’alto valore simbolico e storico dei luoghi. La sua visita testimonia la decisa volontà del Governo di proseguire nel programma di recupero del reclusorio di Santo Stefano.

All’interno del reclusorio

La storia del reclusorio raccontata da Salvatore Schiano

L’introduzione del Sindaco Gerardo Santomauro al convegno del giorno precedente
“Ventotene e Santo Stefano: due isole, una storia e un patrimonio europeo”
Verso la candidatura per il Marchio del patrimonio europeo

E’ nel Mediterraneo, tra l’Africa e l’Europa che si costruisce il futuro, e l’abolizione del trattato di Dublino, dichiarato recentemente da Ursula Von Der Leyen, sta a dimostrare che è possibile un modo nuovo di vivere il Mediterraneo e i fenomeni del più grande movimento migratorio mai avvenuto prima di ora. Subito dopo interviene con un video messaggio il Presidente del Parlamento Europeo David Sassoli.

David Sassoli, Presidente del Parlamento Europeo in video messaggio

Anch’egli ricorda lo straordinario messaggio di aprire una fase nuova nell’Europa, proprio nel momento drammatico della pandemia in corso da cui bisogna uscire con un grande sforzo solidaristico e una concezione nuova di sviluppo sostenibile che punti sulla formazione dei giovani e investimenti a lungo termine. E di tutto ciò, l’Italia intende farne parte a pieno titolo.

La Commissaria Silvia Costa

La Commissaria Silvia Costa ha illustrato le linee sulle quali marcerà il: la straordinaria ricchezza  architettonica dell’ex reclusorio e la sua storia, fatta di uomini e di sofferenze inaudite, spesso di innocenti, condannati per un semplice anelito di libertà. Il Responsabile Unico del Contratto  Giampiero Marchesi  ha illustrato il resoconto di quanto fatto finora e che cosa sarà necessario fare e molto rapidamente, date le condizioni di grave deterioramento della struttura.

Francesco Carta

Il Referente Unico del Comune di Ventotene, delegato al recupero di Santo Stefano, Francesco Carta, ha posto il problema di avviare subito la procedura per la messa in sicurezza del bene ed il progetto concorso che dovrà indicare la rifunzionalizzazione della struttura. Ha indicato anche la necessità di promuovere un Ente Gestore sotto forma di Fondazione per poter immediatamente utilizzare il bene non appena terminati i lavori di recupero. Sono poi seguiti numerosi interventi su tutti gli aspetti del programma, dalla storia del carcere alla ricerca, formazione e studio. Ha moderato Cristina Loglio e sono intervenuti Stefano Baia Curioni, dell’Università Bocconi di Milano, Rita Biasi,Università della Tuscia, Marco Causi,Università Roma 3 e Francesco Collotti, Università di Firenze. 

Salvatore Schiano e Piervittorio Buffa

A seguire, Salvatore Schiano di Colella guida storica di Santo Stefano, il giornalista e scrittore Pier Vittorio Buffa,

Filomena Gargiulo

Gabriele Panizzi Vicepresidente dell’Istituto Altiero Spinelli

la storica Filomena Gargiulo, Grabiele Panizzi, Vicepresidente dell’Istituto Altiero Spinelli,  Roberto Vellano, presidente dell’European Network Cultural Istitus (Eunic), Guido Garavoglia, presidente dell’Associazione per Santo Stefano in Ventotene. Roberto Sommella, presidente dell’associazione Nuova Europa.

Guido Garavoglia Presidente dell’Associazione Santo Stefano in Ventotene

Santo Stefano fa parte dell’Area Marina Protetta di Ventotene e pertanto il recupero e la rifunzionalizzazione dovranno essere realizzati recando il minimo disturbo all’avifauna. Non solo ma si andrà a sperimentare una logistica dei servizi che farà delle energie rinnovabili un banco di prova inedito.

Il Direttore della Riserva Antonio Romano

 Antonio Romano, direttore dell’Area Marina Protetta e della Riserva Naturale Statale delle Isole di Santo Stefano e Ventotene, ha dichiarato che ci sono tutte le premesse per cominciare i lavori in tempi brevi.

Nicola Bosco

L’Ing. Nicola Bosco, di Ventotene, che già da tempo aveva presentato delle idee soprattutto in tema di produzione dell’energia, ha sottolineato la delicatezza dell’habitat di Santo Stefano che dalla chiusura del reclusorio avvenuta nel 1965 è ritornato completamente naturale. E Grammenos Mastrojeni, dell’Unione per il Mediterraneo che ha sottolineato le potenzialità di sviluppo sostenibile che fa la cifra dell’intero arcipelago ponziano. Potrebbe sicuramente divenire un esperimento senza precedenti di buona gestione e politica ambientale.

Anthony Santilli, Responsabile  dell’Archivio storico di Ventotene, ha indicato la necessità di affermare e ampliare la conoscenza della storia, creando una specificità non solo nella storia dell’Italia ma anche dell’Europa.  E Martina De Luca, della Scuola del Patrimonio Culturale Mibact, ha assicurato l’interesse nel sostegno alla formazione di chi si occupa del patrimonio culturale. Anche Maurizio Gentilini, del Dipartimento Scienze umane e sociali e Patrimonio culturale CNR, ha ribadito l’interesse del CRN ad entrare nel progetto sottolineando l’importanza della ricerca nel perseguire la formazione.

Mattia Matrone

Infine sono intervenuti l’imprenditrice Anna Impagliazzo, titolare del ristorante “Il Giardino di Ventotene”e Mattia Matrone, giovane imprenditore, titolare dell’impresa “5 tomoli”, che hanno manifestato la volontà fattiva dei cittadini di Ventotene nel sostenere il progetto. Luca Masi, dell’Anci Lazio, ha assicurato l’impegno dell’ANCI per garantire il necessario coinvolgimento di tutti gli Enti amministrativi a partire da quelli locali.  Francesca Ricci, presidente della Lega navale Ventotene, ha sottolineato l’importanza di perseguire il recupero di Santo Stefano e al tempo stesso di tutelare gli ecosistemi di entrambe le isole di Ventotene e Santo Stefano. Bisogna affrettarsi, il tempo non è molto. Per la prossima primavera dovrà essere tutto pronto: l’avvio dei lavori per la messa in sicurezza, l’approvazione del piano di fattibilità e l’edizione del bando per il concorso di progettazione.

Francesco Collotti Università di Firenze

Il Comandante della Capitaneria di Porto di Ventotene Renato Carbone e Piervirgilio Dastoli collaboratore di Altiero Spinelli

Convegno di Settembre 2017 dell’Associazione pro Santo Stefano – Guido Garavoglia e Gianni Bonvicini

11 Oct 19
admin@santo-stefano.it
No Comments

Guido Garavoglia, è Presidente dell’Associazione pro Santo Stefano in Ventotene. Nel filmato interviene Gianni Bonvicini, Direttore dell’Istituto Affari Internazionali.

Salviamo Santo Stefano

25 Aug 19
admin@santo-stefano.it
No Comments

SALVIAMO SANTO STEFANO   

APPELLO

PER IL RECUPERO E LA VALORIZZAZIONE DEL COMPLESSO CARCERARIO DI SANTO STEFANO IN VENTOTENE

L’antico carcere borbonico di Santo Stefano in Ventotene, dichiarato Monumento nazionale nel 2008, a oltre cinquant’anni dalla sua chiusura versa ormai in uno stato di degrado tale da comprometterne la stessa esistenza.

Costruito alla fine del Settecento sul modello del Teatro San Carlo di Napoli, Santo Stefano è l’unico esempio esistente di architettura carceraria a panopticon. La forma a ferro di cavallo doveva consentire una facile sorveglianza da parte di poche guardie su tutti i detenuti, che a loro volta dovevano percepire un controllo fisico e psicologico continuo.

A Santo Stefano furono reclusi molti padri del Risorgimento, da Luigi Settembrini a Luigi Spaventa e numerosi oppositori del regime fascista che saranno in seguito tra i protagonisti della Repubblica italiana, come il Presidente della Repubblica Sandro Pertini ed il Presidente dell’Assemblea Costituente Umberto Terracini, mentre nella vicina isola di Ventotene si trovavano confinati esponenti di ogni fede politica tra cui i federalisti Altiero Spinelli ed Ernesto Rossi, che nel 1941 scrissero il Manifesto “Per un’Europa libera e unita”.

A Santo Stefano, vent’anni prima della legge di riforma carceraria del 1975 e grazie all’iniziativa del direttore Eugenio Perucatti, venne anche attuato con successo un trattamento penitenziario sperimentale volto al ravvedimento e alla rieducazione dei detenuti.

Dopo la sua chiusura nel 1965 il complesso carcerario venne abbandonato: vandalismi, furti ed eventi atmosferici lo hanno gravemente danneggiato. Alcune parti sono crollate e altre sono gravemente lesionate.

Nel maggio 2016, dopo mezzo secolo di oblìo, il governo italiano ha stanziato un finanziamento di 70 milioni di euro destinato al recupero e alla valorizzazione di Santo Stefano. Nell’agosto 2017 è stato sottoscritto a questo scopo da tutte le istituzioni coinvolte un Contratto di sviluppo e costituito un Tavolo permanente presieduto dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Da allora nessuna decisione operativa è stata però assunta, ad eccezione della realizzazione di un’elisuperficie da parte dell’Aeronautica militare.

Se i fondi non saranno utilizzati entro il primo gennaio 2021, andranno perduti e la struttura sarà irrimediabilmente compromessa. Il Comune di Ventotene ha fatto considerevoli sforzi per aprire alle visite guidate una parte limitata del carcere, ma è necessario al più presto iniziare i lavori per riqualificare l’intero complesso e deciderne la destinazione d’uso.

Nel corso degli ultimi anni sono state presentate in pubblici convegni diverse proposte finalizzate al recupero e alla valorizzazione di Santo Stefano. Qualunque progetto venga adottato dovrà comunque essere sostenibile nel tempo, attraverso attività che garantiscano un bilancio di gestione positivo. Per questo motivo è indispensabile individuare da subito le principali funzioni che dovranno essere ospitate all’interno del complesso carcerario e non limitarsi a interventi tampone che porterebbero in breve tempo ad una situazione di rinnovata precarietà degli edifici, come già accaduto in passato.

Chiediamo al Governo italiano e a tutte le istituzioni interessate di intervenire urgentemente per garantire la conservazione di uno dei luoghi simbolo della nostra storia nazionale e della nostra memoria collettiva prorogando i fondi già stanziati e avviando un progetto di recupero che restituisca questo monumento al patrimonio storico-artistico italiano, destinandolo a sede di attività permanenti a beneficio di visitatori, studiosi e ricercatori.

Sottoscrivono: Gerardo Santomauro (Sindaco di Ventotene); Francesco Carta (Assessore delegato al Recupero di Santo Stefano); Domenico Malingieri (Vice Sindaco di Ventotene); i Consiglieri Comunali di Ventotene: Bernardo Pasquale, Umberto Matrone, Aurelio Matrone, Ermanno Taliercio, Lucio Nicolella; Antonio Romano (Direttore A.M.P. di Ventotene e Santo Stefano); Patrizia Di Fazio (CTS); Stefania Alimenti (CTS); Maura Chegia (Cons. Com. S. Marinella); Bonanni Barbara (Cons. Com. Fiumicino); Ezio Di Genesio Pagliuca (V. Sindaco Fiumicino); Paola Carlizza (I.C. Piaget – Maiorana Roma); Giulia Ciafrei (V. Sindaco Velletri); Brignone Luca (Cons. Com. Anzio); Marcucci Samuele (Cons. Munic. Municipio Roma VIII); Massimo Pulcini (Sindaco Monte Porzio Catone); Roberto Primavera (Ass. Monte Porzio Catone); Nicola Marini (Sindaco Albano Laziale); Enrico Diacetti (ANCI Lazio); Giorgio Giusfredi (Aprilia); Davide Zingaretti (Cons. Com. Aprilia); Giuseppe Fonisto; Domenico Corte (Coreno Ausonio); Achille Bellucci (Acuto); Antonio Proietti; Sara Solinas (Cons. Com. Velletri); Enrico D’Abbruzzi (Velletri); Edoardo Menicocci (Ass. Velletri); Fabio Fiorillo (ANCI Lazio); Alessia Acchioni (Velletri); Giovanni Navacci (Velletri); Emanuele Palmieri; Leonardo Caliviotti (Lariano); Patrizio Di Folco (soccorsoam FR); Cappello Mauro (Pon Metro Roma); Luca Masi (ANCI Lazio); Anna Riglioni (Cons. Com. Poli); Irene Benassi (RAI 3 Agorà); Stefania Moretti (Corriere della Sera)